2. Largo alla geometria!

Estendendo il tema dell’importanza della semplicità nella comunicazione già affrontato nel precedente post, questo trend applica la filosofia del “less is more” al graphic design.

Mentre il primo trend si focalizzava sulla chiarezza del messaggio attraverso l’uso di particolari font e copywriting, questo secondo trend per il 2016 è incentrato sulla semplicità e la funzionalità nella scelta di pattern e shape.

jeannieburnside_meld_5

I modelli che quest’anno verranno utilizzati per creare packaging di successo avranno forme sempre più semplici e una ristretta gamma di colori: cerchi, triangoli, quadrati, con una palette colori spesso monocromatica o ad alto contrasto, bianco o nero.

Ancora una volta questo è un tentativo di catturare l’attenzione di un consumatore costantemente “bombardato” da input esterni. Forme, colori e silhouette familiari e minimali, infatti, riescono a comunicare in maniera più efficace consapevolezza e sensibilità al consumatore.

L’industria è sovrappopolata di prodotti dal design frivolo, barocco, o eccessivo che, proprio attraverso questo approccio sperano di rendersi ben distinguibili.

Quest’anno è dunque necessario un decisivo cambio di tendenza in favore di un approccio assolutamente minimale e chiaramente geometrico che possa permettere all’utente di focalizzarsi sulle vere qualità del prodotto e di creare con esso un rapporto di positività, esclusività ed empatia, i tre concetti “must” per il 2016.

fonte: thedieline.com