La sempre crescente richiesta, da parte dei consumatori, di tecniche di packaging che siano in grado di preservare la longevità e la qualità di cibi, bevande e in generale di prodotti deperibili senza l’ausilio di sostanze conservanti, sta invadendo il mercato di pack così detti “asettici”. Il metodo dell’asepsi è un processo attraverso il quale un prodotto viene conservato in un contenitore sterile che ne mantiene intatte tutte le qualità e le proprietà organolettiche.

Secondo un recente studio del Trasparency Market Research, il mercato dei pack asettici crescerà di un 9,9% ogni anno fino al 2024, raggiungendo un indotto di 80,49 miliardi di dollari.

Sia l’attenzione posta nel consumo di prodotti conservati in un ambiente asettico e i benefici da esso derivanti, sia la crescente richiesta di prodotti “ready to eat” porteranno a preferire sempre maggiormente questo metodo di conservazione.

1

Il Trasparency Market Research afferma infatti che nei prossimi cinque anni i prodotti “ready to eat” diventeranno la categoria merceologica preferita dai lavoratori, dai single, dagli studenti, dai giovani, soprattutto nelle economie emergenti, un vero volano dunque per i pack asettici.

Per concludere è importante non tralasciare, spiega ancora il Trasparency Market Research, come questa tipologia di packaging permetta un più basso utilizzo di energie fossili (rispetto al vetro e al PET), con conseguente minore impatto ambientale e maggiore sostenibilità nel riciclo delle materie prime.

Una serie di fattori coordinati dunque, che ci fa pensare a questa tipologia di packaging come la risposta futura alla maggior parte dei nostri problemi presenti.

(fonte packworld.com)